martedì 26 giugno 2012 | By: Bianca Rita Cataldi

"E va bene, sto facendo uno sbaglio....

...Lo so anch'io che è uno sbaglio, ma sono tante le scelte nella vita che si rivelano sbagliate, ma uno non lo sa prima perché l'unico modo per sapere che sono sbagliate è farle, guardarsi indietro e dire sì, è stato uno sbaglio, quindi, in realtà, lo sbaglio più grande sarebbe quello di non commetterlo perché vivrei per il resto della mia vita senza sapere se era sbagliato oppure no."

(Lily, in How I met your mother)
giovedì 14 giugno 2012 | By: Bianca Rita Cataldi

Prima del futuro - Recensione.

Photobucket


Siamo nel 1996. Emma e Josh frequentano lo stesso liceo, vivono nella stessa via, possono comunicare con bigliettini e lampi di torcia da una finestra all'altra e sono amici da una vita. O meglio, erano amici, poi qualcosa è andato storto: Josh ha ammesso di provare qualcosa per Emma e lei, come sempre, è scappata. E adesso, a un anno di distanza dal loro allontanamento, Josh è di nuovo nella camera della sua coetanea dirimpettaia, ma per un unico semplice motivo: offrirle il cd di AOL da installare sul suo nuovissimo computer. Siamo alla fine degli anni 90, tra musica dance e puntate registrate di X-Files e Facebook non è stato ancora inventato. Ma allora perché, non appena Josh va via ed Emma installa il cd, sulla schermata del computer compare un riquadro blu con una scritta bianca? che cosa significano, in questo contesto completamente nuovo, le parole "amici" (e poi, 200 amici? sarà mai possibile conoscere così tante persone?) , "profilo", "Status"? Dinanzi agli occhi di Emma si apre un mondo completamente nuovo, una realtà che, come lei e Josh scopriranno presto, non ha nulla a che vedere con il presente: lì, tra le pagine virtuali di un Facebook che ancora non è stato inventato, ci sono fotografie frasi ricordi che Emma e Josh condivideranno sulla rete tra quindici anni. Cosa succederà, dunque, quando i due si renderanno conto di poter cambiare ogni singolo istante del loro futuro con un semplice colpo di mouse?


Un libro interessante, questo, che consiglio soprattutto ai Facebook-dipendenti, a chi non riesce a vivere appieno nulla che non sia condiviso con almeno altre trecento persone. La storia di Emma e Josh fatica un po' a ingranare, vi dico la verità, ma quando decolla lo fa con una forza espressiva e un'intelligenza uniche. Emma è un po' la "vocina cattiva" che è dentro di noi, quella che ci impedisce di lasciarci andare, di credere all'amore e, soprattutto, di confidare nel presente. Emma ignora l'oggi e vive in funzione di un domani che non ha nulla di certo ma, soprattutto, la nostra protagonista sembra non sapere che il futuro va costruito - passo dopo passo - con le gioie e i dolori che ci riserva il presente. Josh, di contro, è un personaggio adorabile: simpatico, un po' impacciato ma sincero, sempre onesto nei confronti degli altri e soprattutto di se stesso. Tra le altre cose, di questo libro mi sono piaciuti i dialoghi: credibili, talvolta divertenti, e mai artificiosi e falsi. Non sembra neppure scritto a quattro mani, questo romanzo: sembra il frutto dell'ispirazione pura e felice di un'unica mente. Davvero un buon libro, originale e appassionante, consigliabile per i lettori di qualunque età (con un particolare accenno ai nostalgici come me, a quelli che guardano con affetto all'epoca della connessione lenta, delle partite a Solitario in attesa della scritta google).

Il giardino degli incontri segreti.

Photobucket

IL GIARDINO DEGLI INCONTRI SEGRETI

Lucinda Riley

GIUNTI Y

in libreria dal: 2 maggio 2012



DAL LIBRO 

«Nonna, ti prego dimmi tutto. Se è un segreto sai che lo manterrò.» «Lo so, tesoro mio. Il problema è che non è così semplice. Vedi, è uno di quei segreti di famiglia che, una volta svelati, finiscono con lo stravolgere la vita di molte persone.» 


 TRAMA 

Tutto quello che ogni donna vorrebbe trovare in una storia d'amore. Ogni famiglia ha i suoi segreti, ogni amore la sua ricompensa. Una storia impetuosa che ha conquistato le lettrici di tutto il mondo. Da bambina, Julia trascorreva molte ore felici nella incantevole tenuta di Wharton Park, dove suo nonno coltivava con passione le specie più rare ed esotiche di orchidee. Quando per un terribile colpo del destino la sua vita viene sconvolta, Julia – ormai un’affascinante e affermata pianista – torna istintivamente nei luoghi della sua infanzia. Spera con tutto il cuore che Wharton Park la aiuti a capire che direzione prendere, co­me è avvenuto in passato. Da poco, però, la tenuta è stata rilevata dal carismatico e ribelle Kit Crawford che, durante i lavori di ristrutturazione, ha trovato in villa un diario risalente al 1940, forse appartenuto proprio al nonno di Julia. E, mentre con l’avanzare dell’inverno l’attrazione tra Julia e Kit cresce di ora in ora, Julia sente la necessità di scoprire quale verità si nasconda dietro quelle pagine annotate. Ed è così che un terribile segreto sepolto per anni viene alla luce, un segreto potente, che ha quasi distrutto Wharton Park e che è destinato a cambiare per sempre anche il futuro di Julia. Un’appassionante storia d’amore dove pas­sato e presente si intrecciano senza sosta. Un racconto epico e commovente che rapisce fino alla fine


 AUTRICE 

Lucinda Riley è nata in Irlanda e ha trascorso molti anni della sua infanzia in Thailandia, grande fonte di ispirazione per questo romanzo. Dopo una felice carriera come attrice teatrale e televisiva, da tempo si dedica unicamente alla scrittura. Vive in Inghilterra, nel Norfolk, con il marito e i suoi quattro figli. Il giardino degli incontri segreti è un bestseller internazionale che ha venduto fino a ora 1 milione di copie ed è stato tradotto in oltre 20 Paesi. 

Booktrailer: QUI

Sfoglialibro: QUI

Link alla pagina libro: QUI

Dreamless.

Photobucket

DREAMLESS - Nell'aldilà ogni notte è per sempre

JOSEPHINE ANGELINI

GIUNTI Y

in libreria dal: 6 giugno 2012


DAL LIBRO 

«Ok, fantastico. Adesso andrò agli Inferi» annunciò Helen a Lucas senza giri di parole, mentre già si faceva prendere dalla confusione e decideva di passare all’azione senza pensarci troppo a lungo. «E nel caso in cui dimenticassi tutto, perfino di tornare indietro, voglio che tu sappia che ti amo ancora.» «Anche io ti amo ancora.» Un sorriso gli si disegnò in volto. 

 TRAMA 

Non ci sono più sogni per Helen, ogni volta che si addormenta è costretta a raggiungere l’aldilà. È la prescelta, colei che dovrà discendere agli Inferi e superare prove indicibili per trovare le Furie, liberarle dalla loro ira e rompere il ciclo di faide tra le Case. In più ogni mattina, quando si risveglia ferita e provata, non trova tregua: deve allenarsi duramente per controllare i suoi poteri e, come se non bastasse, andare a scuola. Sempre più spossata e sofferente, non ha nessuna spalla su cui piangere. Perfino Lucas, diventato freddo e ostile, la respinge. Ma è proprio quando ogni speranza sembra perduta, durante una delle sue estenuanti discese agli Inferi, che Helen si imbatte in Orion, un semi-dio bello come il sole, capace di far tremare la terra oltre che il suo cuore. Divisa fra l’attrazione per il nuovo pretendente e l’amore impossibile per il cugino, Helen si trova a sfidare i suoi limiti e le sue paure. È in gioco il destino dell’umanità intera. Ancora più intrigante di Starcrossed, Dreamless è un romanzo intenso, dark, sexy e pieno di azione.

 AUTRICE 

Josephine Angelini è la più giovane di otto fratelli e vive a Los Angeles col marito. Starcrossed, il suo esordio narrativo, primo libro della saga The Awakening series, è stato un caso editoriale con pochi precedenti nel mondo degli YA. Dreamless è il cuore della trilogia che si concluderà con un terzo romanzo (2013) in cui si narra la cronaca dello scontro finale tra gli dèi e i mortali. La MALEDIZIONE che solo lei può spezzare LA SPERANZA che solo lui può offrirle LA TENTAZIONE che può scatenare una guerra
domenica 3 giugno 2012 | By: Bianca Rita Cataldi

Summ(e)rize.

Voglia di studiare: meno di zero. Peccato soltanto che io abbia un esame di cultura greca il 7, uno di geografia il 14 e l'idoneità del laboratorio di scrittura il 19. Bene. In compenso, ho già la testa a ciò che succederà dopo il 20, il mio essere perfettamente completamente incondizionatamente in vacanza, senza nient'altro da fare se non farmi crescere le unghie da crudelia demon, fare la ceretta ai baffi e il french ai piedi. ah, e mezz'ora di sole in terrazza con mamma tutti i giorni. glutei addominali e interno cosce ogni sera, tre serie da trenta. tonnellate di libri. lunghi bagni non troppo caldi con le bombe profumate che sto imparando a fabbricare da me grazie a questo meraviglioso sito. intere serie di telefilm - io e mamma siamo arrivate alla 4 su 7 di "Una mamma per amica", e tra poco passeremo a "how I met your mother". Dite che è scontato che mamma e figlia guardino solo telefilm nei quali, da qualche parte, c'è una mamma? ad ogni modo, in un angolino non troppo recondito della mia scrivania c'è già la pila di dvd che consumerò dal 20 giugno in poi. i miei film dell'estate. tanto per incominciare, sono in piena fissa Almodovar: non è colpa mia, è che ho finito tutti gli Ozpetek e ho bisogno di qualcosa di più o meno quasi all'incirca simile. e poi ci sono alcuni film che non ho ancora visto e che mi vergogno di non aver visto, quali Forrest Gump e Harold e Maude e La febbre del sabato sera. ah e poi gli american pie. tutti gli american pie. Ho visto solo il primo - "e non ti è bastato?", diranno i più saggi tra voi - e no, non mi è bastato: anch'io ho bisogno della mia sana dose di idiozia, di tanto in tanto. Ecco perché leggo I diari del vampiro, tra le altre cose.

Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket Photobucket