lunedì 30 giugno 2014 | By: Bianca Rita Cataldi

Svegliarsi col lucidalabbra

Buonasera. Tra una pagina e l'altra del Conte di Montecristo eccomi qui. Giusto due parole prima di andare a dormire. Da domani si inizia a scrivere sul serio: ho un romance da consegnare entro luglio e il mio terzo romanzo da completare e ho intenzione di terminare al più presto i lavori in sospeso perché altre idee già premono e hanno bisogno che dia loro voce. Questa mattina ho consegnato il mio secondo articolo per Barinedita, poi quattro ore di riunione in redazione e adesso eccoci qui, io e Edmond Dantes. Sono di uno stanco felice. Si può essere stancamente felici? Oggi un mio amico mi ha chiesto su whatsapp se mi sveglio zombie come lui o fresca come una rosa. Gli ho risposto che "mi sveglio col lucidalabbra", che è un modo per dire che mi sveglio bene. Tutto sta nel primo pensiero che rivolgi al mondo quando apri gli occhi. Per quanto mi riguarda, credo in Dio e il mio primo pensiero va a lui. Può sembrare un'idiozia bella e buona, eppure è uno dei modi più facili per svegliarsi col lucidalabbra e durare fino a sera. Domani mattina cercherò di ritagliarmi un quarto d'ora per girare un nuovo In my mailbox: i nuovi libri di casa si stanno accumulando in pile dalla pendenza alquanto preoccupante ed è giunto il momento di dedicare loro un po' di spazio. Ho scoperto i video di una bookblogger australiana che mi hanno aperto il mondo. Lei è meravigliosa, capelli rosa e uno splendido senso dell'umorismo. L'adoro. Ora non ricordo il suo nome e sono troppo comoda sul divano per andarlo a cercare ma intanto ve la segnalo: ne parlerò meglio un'altra volta. Io e Edmond salutamus vos. Buonanotte a tutti e a domani con un nuovo video e (si spera) la recensione di un romanzo Leggereditore. Gudnait gais.

mercoledì 25 giugno 2014 | By: Bianca Rita Cataldi

Brevi notizie dal B. world

Scrivo camminando mentre vado in chiesa dopo l'ennesimo caffè con me stessa, a largo Ciaia. Il computer nella borsa, un bel racconto altrui in corso di editing e quell'assoluto, meraviglioso senso di libertà che provi nel realizzare che sì, hai finito tutti gli esami della triennale. Ancora qualche giorno e poi abbandonerai per sempre quel bel numero di matricola che era così semplice ricordare. Il tuo libretto è chiuso, completato, e ora puoi dargli fuoco e ballargli intorno come in una qualche strana danza tribale. Adesso hai tempo per leggere quel gran mattone di Portrait of a lady in lingua originale. La tua tesi di laurea riposa serena in segreteria e tu puoi iniziare a perlustrare Bari alla ricerca dell'abito perfetto per il giorno della corona d'alloro. La dedica della tesi recita: "A mia nonna, studentessa di Lettere". A lei, l'Emilia di Waiting room che però, al contrario dell'eroina del romanzo, non si è mai laureata. A lei. Questi tre anni. Col cuore.

mercoledì 18 giugno 2014 | By: Bianca Rita Cataldi

Recensione di Rischio letale di Pamela Clare



Kara McMillan è una giornalista di successo, rispettata e temuta sul posto di lavoro. Non c'è politico o personaggio pubblico che non conosca la lama affilata della sua penna e che non abbia timore di veder scoperti i suoi intrighi. Tuttavia, lei non è semplicemente una donna in carriera: ha un dolcissimo bambino, Connor, che è costretta a crescere da sola da quando l'uomo che ha amato più di qualunque altro è svanito nel nulla, rinunciando a suo figlio e alla famiglia che avrebbe potuto e dovuto avere. Adesso, Kara deve barcamenarsi tra la complessa e pericolosa vita da giornalista d'assalto, invisa a chiunque abbia qualcosa da nascondere, e il suo essere una mamma single a tutti gli effetti. A complicarle la vita arriva Reece Sheridan, un senatore che ha intervistato per il giornale e che, poco tempo dopo, incontra casualmente in un locale. Purtroppo, Kara non ricorderà molto della sera del loro incontro: annebbiata dai fumi dell'alcool, collezionerà una serie di figuracce che, al mattino, la faranno arrossire e la renderanno ben decisa a evitare ogni ulteriore contatto con Reece. Nonostante le sue brutte figure, però, il senatore sembra non avere nessuna intenzione di perderla di vista: ben presto, infatti, Kara riceve un invito a cena. Confusa e ancora imbarazzata per quella sera al locale, vorrebbe rifiutare ogni tentativo di contatto, eppure non può nascondere neppure a se stessa di essere fortemente attratta da Reece. Probabilmente ha ragione la sua amica Holly: il suo ex l'ha fatta soffrire così tanto da spingerla a chiudersi in una prigione di vetro, sola con suo figlio. Come se non bastasse, ad accrescere le sue ansie giungerà la soffiata di uno sconosciuto che, a quanto pare, ha molto da raccontare a proposito di una multinazionale e di una buona quantità di materiale tossico da smaltire. Kara non può saperlo, ma ciò che sta per scoprire è strettamente legato al destino di Reece e, inevitabilmente, al suo.

Questo libro mi ha davvero sorpresa perché, a giudicare dal primo capitolo, avevo immaginato fosse completamente diverso. Dalle prime pagine apprendiamo che Kara è una ragazza matura, già mamma, single, non troppo espansiva e che, soprattutto, non regge molto bene l'alcool. Apprendiamo anche che Reece è un uomo in gamba, affascinante, diverso da ogni altro uomo politico in circolazione. Letto questo, ci aspettiamo il solito romanzetto rosa in cui lui vuole lei, lei vuole lui, non se lo dicono, poi se lo dicono e vivono felici e contenti e invece...no! Già a partire dal secondo capitolo, capiamo che dietro la storia di Kara e Reece c'è ben altro. La descrizione dell'ambiente giornalistico e delle dinamiche interne mi ha stupita per accuratezza e precisione e, quando ho controllato la biografia dell'autrice, mi sono spiegata ogni cosa: Pamela Clare ha avviato la sua carriera come giornalista investigativa e, successivamente, è diventata la prima donna direttrice di due testate. Chapeau! Rischio letale è un romanzo che mescola con sapienza erotico e thriller giornalistico a sfondo ambientale. Il personaggio di Kara, a tratti, sembra richiamare proprio la biografia dell'autrice e questo, a mio parere, è un aspetto che lo rende decisamente credibile. Inoltre, credo sia insolito che la protagonista di un romanzo rosa sia una mamma single non più giovanissima e, dunque, non posso che apprezzare l'originalità del plot. Per quanto riguarda Reece, devo ammettere che mi è molto simpatico perché non è il solito belloccio muscoloso senz'anima che, male che vada, caccia fuori un paio di dentoni da vampiro: è un uomo politico onesto, corretto, pronto a tutto pur di difendere il proprio onore sia in amore che nel lavoro. Ho apprezzato anche la scrittura, così scorrevole da avermi permesso di divorare il libro in un giorno nonostante la sua mole non fosse esattamente lieve. Credo che continuerò a seguire questa autrice che non conoscevo né come scrittrice né come giornalista e che, invece, è una donna (e una mamma) da scoprire.

voto: ****/5

martedì 17 giugno 2014 | By: Bianca Rita Cataldi

Un po' mi sembra di averti qui



Buongiorno! Come state? Riemergo oggi dopo l'esame di Letteratura Italiana III e, tra una pagina e l'altra di linguistica, passo di qui. Ieri pioveva, pioveva tantissimo, e Bari sotto la pioggia è un quadro impressionistico, dovete credermi. C'è una zona della mia città che adoro e alla quale sono legata sentimentalmente. E' la zona nella quale ha vissuto mia madre da ragazza e ho passeggiato tantissime volte con lei, da bambina, lungo quelle strade e "Vedi, questa è la mia scuola elementare" e "Questo è il Meridional Cafè, dove venivo a prendere il gelato con gli amici". Ed ecco la chiesa russa e il suo immenso giardino, l'edicola, il chiosco storico delle granite. Corso Benedetto Croce, "ma prima si chiamava corso Sicilia". E ieri, sola, decisamente in anticipo per l'appuntamento in chiesa, mi sono concessa una passeggiata proprio lì, sul corso. A un certo punto ho telefonato a mia madre e le ho detto Un po' mi sembra di averti qui, ed era vero. Ho fatto anche una capatina al nuovo bar su viale della Repubblica. E' carino, tendenzialmente shabby, ma forse un po' troppo "chic" per i miei gusti. Mi spiego: per me, un bar dev'essere accogliente, decisamente accogliente. Mi piace poter chiacchierare con chi ci lavora, scambiare battute, lasciarmi sfuggire una parola in dialetto barese. Sentirmi a casa. Ieri, invece, mi sentivo un po' come un filetto di nasello surgelato e nel locale c'ero solo io ed era tutto molto freddo e i camerieri (tutti ventenni, tutti carini) erano praticamente statuette di gesso. Preferisco il mio bar di largo Ciaia e Giorgio che canta In fondo al mar. E se vi state chiedendo se sono la nuova Anton Ego e se adesso ho intenzione di mettermi a recensire bar oltre che libri, la risposta è sì a entrambe le domande.



Bari in the rain, viale della Repubblica, ore 18


AVVISO!  Ho lasciato Leggere a Colori. Da stamattina mi stanno arrivando diversi messaggi privati che, a conti fatti, mi chiedono "perché". Incomprensioni col capo, come sempre accade, e poco altro. Ad ogni modo, poco male: adesso avrò più tempo per dedicarmi a questo blog, agli autori che hanno riposto fiducia in me inviandomi le loro opere, a tutti gli scrittori che mi hanno permesso di aiutarli nel difficile lavoro di editing e correzione. Questo blog è la mia casa, io sono la B. tra le piccole donne (e uomini, don't worry) e qui rimarrò. Lovin' u, guys.
venerdì 13 giugno 2014 | By: Bianca Rita Cataldi

Un saluto e la mini-recensione di Ecstasy Love di Eliselle

Giusto un attimo, poi scappo a studiare la mia Letteratura Italiana III. Vi lascio un saluto, una mini-recensione, qualche foto inspirational e una buona notizia: il video In my mailbox della prossima settimana sarà ricco di libri, senza contare che aspetto due cartoni da ibs e qualche bel romanzo da recensire. Insomma, ci sarà da divertirsi, ma non pubblicherò il video prima di martedì (exam age, purtroppo). Intanto, ecco qui la mini-review:




Ecstasy loveEcstasy love by Eliselle
My rating: 3 of 5 stars

Non so perché, ma me lo aspettavo completamente diverso. Questo libro è nella mia wish list da quando ero una ragazzina e, vi dirò, avrei fatto meglio a leggerlo allora. Non che adesso sia molto più grande, ma lo sono abbastanza da considerare Ecstasy Love decisamente troppo adolescenziale. La voce narrante diventa un po' antipatica già a metà libro e, non saprei dire perché, la narrazione non scorre. Eliselle scrive benissimo, per carità, e non ho trovato neppure un refuso, eppure non scorre. In compenso, l'incipit del libro è uno di quegli incipit col botto, nonché la migliore descrizione di un incidente stradale che io abbia mai letto. Insomma, questo libro non mi ha né entusiasmata né delusa. Diciamo soltanto che forse mi aspettavo un pochino, giusto un pochino, di più.

View all my reviews


Voto medio e passa la paura. Vi lascio qualche bella immagine trovata in rete, vi auguro una buona serata e...adios. Italo Svevo mi aspetta.

 

 

 

 


giovedì 12 giugno 2014 | By: Bianca Rita Cataldi

Anteprime Leggereditore/Giunti/Nord - giugno/luglio 2014

Buonasera! Oggi è giornata d'anteprime e io, smalto fresco blunotte alle unghie, matita nei capelli e frullato alla banana, sono pronta a mostrarvi tutte le novità Leggereditore - Giunti - Nord. Partiamo dalla Leggereditore!

p.s. ma prima, come bonus, ecco la mia rinco-face dell'exam age. Spero che la luce obliqua della lampadina nasconda le occhiaie zombiesche, oibò.


Passando alle cose serie...



Maya Banks 

 Nessuna via di fuga 

Ebook a 4.99€ 

 Dal 26 giugno in libreria a 12€ 

 Dopo L'ora della verità arriva in libreria il secondo volume della serie KGI, un distillato di pura romantic suspense dalla penna di una delle autrici di romance più amate. 

TRAMA:

 Sam Kelly appartiene al kgi, una squadra speciale composta da lui e i suoi fratelli, impegnata in azioni militari top secret. L’ultima persona che si sarebbe aspettato di trarre in salvo durante una missione è Sophie Lundgren. In passato hanno avuto una breve, intensissima storia, ma poi lei è svanita nel nulla. In realtà Sophie ha passato gli ultimi mesi in fuga, sapendo che qualsiasi errore sarebbe costato la vita a lei e al bambino che porta in grembo, frutto di quella fugace relazione. Sam è stato il suo primo amore, ora è la sua ultima possibilità, e lei è certa che farà qualsiasi cosa per proteggerla. Tuttavia, l’oscuro passato di Sophie è più pericoloso di quanto Sam immagini, e l’unico modo per sopravvivere è affrontarlo e cancellarlo una volta per tutte.

 “La Banks è la lettura perfetta per tutte le amanti della nuova narrativa erotica in stile Cinquanta sfumature.” Romantic Times 

 “Maya Banks scrive proprio il tipo di libri che adoro leggere!” Lora Leigh 

 “Non si può rimanere indifferenti alla forza sorprendente della scrittura e dell’immaginazione di quest’autrice. Se amate l’azione, l’avventura e le storie d’amore bollenti, questa serie vi farà innamorare!” Bookaholics Romance Book Club 

L'AUTRICE:

 Maya Banks è una delle più versatili autrici di romance americane. Spazia dal genere erotico, allo storico, al romantic suspense ed è sempre presente nelle classifiche dei bestseller del New York Times e di USA Today. Vive nel sud degli Stati Uniti col marito, tre figli e tanti animali domestici.



Kathleen McGregor 

 L’irlandese 

Ebook a 4.99€ 

 Dal 26 giugno in libreria a 14.90€ 

 In libreria il quarto volume della Saga del Mar dei Caraibi, frutto della penna sapiente di Kathleen McGregor, l'autrice italiana che attraverso la descrizione di appassionanti storie d’amore, scrive romanzi adrenalinici e densi di emozioni. 

TRAMA:

 Sono molte le ombre nell’esistenza di Don Juan Corraya, governatore di Portobello: un inconfessabile segreto da cui dipende la sua stessa vita, un rimorso che non ha mai smesso di torturarlo, e un debito che non potrà mai ripagare. Soprannominato “Spagnolo Rosso” per il colore dei suoi capelli, è uno degli uomini più potenti e chiacchierati delle colonie spagnole, famoso per le sue ardite imprese in mare e per l’odio sviscerato nei confronti dei pirati. Quando si presenta a casa della giovane Alma De Castillo per reclamarla in moglie, la fanciulla cade nella disperazione. Come può sposare questo sconosciuto, freddo e spietato, quando il suo cuore batte solo per il capitano Quintano, l’uomo a cui è promessa? Il suo futuro sposo è partito per la giungla, e lei sta attendendo con ansia il suo ritorno. Che ne sarà di lei e della creatura che porta in grembo, frutto di un’unica notte d’amore rubata? Azione, adrenalina e sensualità: approda in libreria il quarto volume della Saga del Mar dei Caraibi.

"Una penna tutta italiana, ma che indubbiamente meriterebbe un risalto internazionale.” Isn’t It Romantic?

 “Alcuni hanno definito questa autrice la Wilbur Smith italiana e non si può che essere d’accordo con loro. Pur descrivendo appassionanti storie d’amore, i suoi romanzi sono adrenalinici e densi di emozione. Duelli, battaglie, arrembaggi, il mare non ha segreti per lei...” Romance Magazine 

L'AUTRICE:

 Kathleen McGregor è una scrittrice di rara intensità e maestria, capace di fondere l’avventura e la passione con l’accurata ricostruzione storica. I suoi romanzi, già pubblicati da Mondolibri e da Harlequin Mondadori, sono un inno alla libertà, e a ogni pagina riescono a far appassionare il lettore, trascinandolo in un viaggio dalle atmosfere esotiche e avvincenti. Con Leggereditore ha pubblicato Corinna. La Regina dei Mari, La Sposa Spagnola e Cuore Pirata, riscuotendo un grande successo di pubblico.



J.C. Reed 

 Prigioniera del tuo amore 

Ebook a 4.99€ 

 In libreria dal 19 giugno a 12€ 

 Bestseller su NY Times, USA Today e Wall Street Journal e candidato come best romance ai Goodreads Choice Awards 2013, una storia bollente con un finale che sorprenderà anche le lettrici più smaliziate.

 TRAMA:

Brooke Stewart è un’agente immobiliare di New York che non ha nessuna voglia di complicarsi la vita con relazioni sentimentali impegnative. Ma Jett Townsend è così affascinante... così sexy e arrogante, con quei suoi occhi verdi e i capelli un po’ scompigliati... non si può non cadere nella sua trappola! Anche se poi è necessario filar via a gambe levate: meglio stargli alla larga e dimenticare presto. Ma il destino non agisce mai per caso, e quando un’affermata agenzia immobiliare chiede a Brooke di chiudere un importante affare a Bellagio, sul lago di Como, lei si ritrova di nuovo faccia a faccia con Jett, che ora è nientemeno che il suo capo! Cosa può nascere tra un uomo che non accetta mai un no come risposta e una donna che ha paura di cedere all’amore? Tra viaggi in Italia e notti di passione, Brooke scoprirà che Jett nasconde un segreto scottante e che per entrambi è arrivato il momento di mettersi davvero a nudo.

“Prigioniera del tuo amore è tra le mie letture preferite dell’anno: grandi personaggi, splendido intreccio e scene d’amore che vi faranno andare a fuoco.” Busy Moms Book Reviews 

 “Il finale è sconvolgente, da togliere il fiato!” SBookLover Reviews 

L'AUTRICE:

 J.C. Reed è un’autrice bestseller di romance erotici, ai quali aggiunge sempre un toc- co di mistero. Quando non sta ticchettan- do sulla tastiera, sogna di ritornare tra le montagne del Wyoming.

Passiamo ora alla Nord...


CHI HA DETTO CHE IL LUNEDÌ È IL GIORNO PIÙ DEPRIMENTE DELLA SETTIMANA? 

 Emily Dubberley 

 BLUE MONDAYS 

 Un romanzo in 8 puntate disponibili in ebook in uscita ogni lunedì a partire dal 16 giugno 2014 

 Prima puntata GRATUITA scaricabile qui


Seconda puntata: 0,99 euro 

 Dalla terza all’ottava puntata: solo 1,99 euro



 LA TRAMA:

Il primo incontro Sembra un lunedì come tanti, per Lucy Green: sveglia all'alba dopo un weekend di lavoro e metro talmente affollata che a malapena si riesce a respirare. Sembra un lunedì come tanti, ma non lo è. Perché il destino le fa incontrare Ben Turner. Ben è affascinante, gentile, misterioso. E, soprattutto, non è costretto a rispettare i ritmi frenetici imposti dall'agenzia pubblicitaria di Londra per cui lavora Lucy; lui coglie l'attimo, si rilassa, si diverte. E propone a Lucy di scendere alla prossima stazione e di lasciarsi andare, anche solo per poche ore. Per quanto le sembri assurdo, lei non può negare l'attrazione dirompente che prova per quell'uomo, né il brivido che sente quando lui le sfiora la mano: ascolterà la voce della ragione, rassegnandosi a un altro grigio lunedì, o seguirà il cuore, assaporando le sorprese che la vita può offrire? La storia Per Lucy Green, il lunedì è diventato il giorno più bello della settimana. Perché è stato proprio in un grigio lunedì mattina che il destino le ha fatto conoscere Ben Turner. A differenza di lei, che vive sempre con l'orologio in mano, passando da una riunione a un'altra, Ben affronta la vita come una sfida, assaporandone ogni attimo. E, da quel loro primo incontro in metropolitana, ogni lunedì, Lucy scappa dalla rutine quotidiana e si lascia guidare da Ben in un mondo di esperienze sempre nuove… 

 L’autrice 

 Emily Dubberley è laureata in Psicologia e in Letteratura inglese e ha lavorato per dieci anni come responsabile marketing di un'importante agenzia di comunicazione. La sua vera passione, però, è sempre stata la narrativa, cui ora si dedica a tempo pieno. Il suo sito è http://dubberley.com/

La Giunti, invece, ha dato il via a una splendida iniziativa: nasce #GiuntiOriginals (seguite l'hashtag su Facebook e Twitter e usatelo per commentare), una collana tutta digitale di libri rosa, gialli, fantasy, ecc. Cliccando sullo "sfoglialibro" potrete leggere GRATIS metà del romanzo :) ecco a voi i primi tre titoli:



“IL DELFINO IN BICICLETTA” 

Chiara Mugnai 

 TRAMA

Cosa succede quando ti dimentichi di dimenticarti del tuo ex? Succede che i ricordi dei momenti passati insieme tornano costantemente a tormentarti e che le lacrime non finiscono mai. Cristina, studentessa di vent’anni, lo sa bene. Da quando Davide l'ha lasciata è sempre triste e malinconica. Per di più, durante una gita in montagna con le amiche, scivola – o meglio si butta – in un crepaccio e finisce in ospedale. E proprio qui fa uno strano e lungo sogno: un taccuino abbandonato in un bar, un ragazzo che lo ritrova e si mette in cerca della sua proprietaria e una dichiarazione d'amore inaspettata. Proprio lo stesso taccuino a cui Cristina ha affidato i suoi pensieri più neri, proprio lo stesso ragazzo che lavora nel bar che frequenta abitualmente… forse è il segno che qualcosa sta per cambiare? Tra una vacanza con le amiche, l'esame di Fisiologia e un certo Lorenzo appena conosciuto, Cristina si renderà conto che per i ricordi c'è sempre meno spazio. Un esordio davvero sorprendente che ci parla di amore, famiglia e amicizia attraverso lo sguardo fresco e genuino di una giovanissima autrice.

 L'AUTRICE 


Chiara Mugnai, talento nascosto dell’arrampicata, soprano a corto di pubblico, velista con il mal di mare per rincorrere un nonno iperattivo e navigatore. Al secolo sono Chiara Mugnai e ho 21 anni. Studio Ingegneria biomedica all’Università di Pisa ma vivo a Firenze con la famiglia, una bianca pappagalla, muta, e una gatta parlante, color isabella. “Il delfino in bicicletta” è il romanzo vincitore del concorso Y Giunti Shift 2013.

Clicca qui per avere ulteriori informazioni su "IL DELFINO IN BICICLETTA" di Chiara Mugnai
Per leggere la META' del romanzo, clicca su questo link



"B-LOVED" 

P.D. Blacksmith 

 TRAMA

Belinda ha diciannove anni, vive a Marsiglia, ed è una ragazza piuttosto inquieta: è un'acrobata del parkour, un asso nel lancio dei coltelli e ha un talento naturale per mettersi nei guai. Dopo essersi fatta coinvolgere in una rapina con una banda di ladruncoli, ha bisogno di cambiare aria e non trova migliore rifugio che la casa del padre, nella sonnacchiosa Trento. Ma i cieli azzurri, i laghi cristallini e le cime innevate di un panorama da favola celano molto più di quanto sembra. Anche i ragazzi che conosce – biondi, muscolosi, tatuati e appassionati di arrampicata – hanno qualcosa di strano. In più, la città è sconvolta da una serie di suicidi, le cui giovani vittime, come in un tragico rituale, cercano la morte nell’acqua. Ben più di una semplice coincidenza. Così la pensano anche Micha, il leader del gruppo, più biondo e più bello di tutti, e Detlev, suo fratello adottivo, sfuggente e misterioso. Ma chi sono davvero i ragazzi delle montagne? Perché vivono isolati sulle vette? Che cosa le vogliono dire? Davanti a Belinda si sta per spalancare un mondo del tutto nuovo, popolato da creature straordinarie pronte a sconfiggere il male. Un mondo dove tutto ha due facce, anche l’amore, e Belinda sarà costretta a scegliere senza fare errori. Un fantasy pieno di suspense, colpi di scena, seduzione e mistero.

 LE AUTRICI 

P.D. Blacksmith è lo pseudonimo di due autrici che dopo aver esplorato siti megalitici alle Orcadi, intervistato sciamani a Maracaibo, fotografato rituali magici dalle Filippine al Brasile e assaggiato tutti i tipi di dolci che hanno trovato, ora sono alla ricerca delle ley line nelle Dolomiti, dove attualmente vivono, e dove la concentrazione di esseri soprannaturali è notoriamente fra le più alte del pianeta.

Clicca qui per avere ulteriori informazioni su "B-LOVED" di P.D. Blacksmith
Per leggere la META' del romanzo, clicca su questo link



"L’INNOCENZA DEL SERPENTE" 

Sara Simoni 

 TRAMA

È notte fonda quando Mia arriva al belvedere, il suo posto segreto. È stata una giornata pesante nell’azienda in cui è stagista: per la prima volta ha discusso con Alba, la manager bella e carismatica che è il suo unico punto di riferimento. Non è nemmeno riuscita a restituirle il ciondolo a forma di serpente che ha trovato nel bagno dell’ufficio. Per di più il suo posto preferito è occupato da uno sconosciuto: un cinquantenne niente male e all'apparenza innocuo di nome Valerio. Il giorno dopo, però, di Alba in ufficio non c'è traccia, la donna è sparita nel nulla. Mentre Mia si scopre sempre più attratta da Valerio, che riappare casualmente nella sua vita, il mistero sulla scomparsa di Alba si infittisce. Per Mia il peso del ciondolo diventa sempre più insopportabile, le spire di quel serpente sembrano abbrancare tutti coloro che gli si avvicinano. Nella grigia e piovosa provincia lombarda, in nome dell’amore, dell’amicizia, dell’affetto paterno, c’è qualcuno che possa considerarsi innocente?

 L'AUTRICE 


Sara Simoni, classe 1992, studia Scienze dell’Antichità all’Università degli Studi di Milano. Ha frequentato i corsi di scrittura creativa di Raul Montanari ed è stata due volte semifinalista del premio Campiello Giovani (2011 e 2014). La lettura e la scrittura sono le sue più grandi passioni, ma non le uniche: suona la chitarra elettrica in una rock band tutta al femminile e pratica il karate. "L’innocenza del serpente" è stato selezionato nel 2014 come vincitore del Talent Y Giunti Shift dedicato ai thriller.

Clicca qui per avere ulteriori informazioni su "L'INNOCENZA DEL SERPENTE" di Sara Simoni
Per leggere la META' del romanzo, clicca su questo link

Che ve ne pare? Quali libri inserirete nelle vostre wish list? Commentate! :)
martedì 10 giugno 2014 | By: Bianca Rita Cataldi

La mia stanza odora di carta



Bonsoir! Sono distrutta. Riemergo solo adesso da una giornata di esami (uno di storia contemporanea questa mattina e uno di letteratura latina questa sera) e sono letteralmente a pezzi ma molto, molto contenta e orgogliosa del lavoro che ho portato avanti in queste ultime settimane. Ovviamente, dopo ogni esame ci vuole un premio. Dopo un doppio esame ci vuole un doppio premio, viene da sé. E così, eccomi qui: due ordini su ibs e qualche ebook. Me lo sono meritato, tze. Vedrete tutti i libri che ho preso da ibs nei miei futuri In my mailbox (trovate gli altri qui). Per quanto riguarda gli ebook, ve li mostrerò fra tre secondi, ma intanto mi lascio andare a un'improvvisata apologia dei libri elettronici. Ragazzi, non so se voi leggiate in lingue ma, diamine, avete presente le attese di quattro settimane per farsi arrivare un libro dall'America? D'u know? E adesso...voilà, dallo studio di casa, un euro e via, ed è un po' come avere la Fnac di Nizza o una X libreria di New York dietro casa. Poi non ditemi che questo non si chiama progresso. Detto questo, è ovvio che io preferisca i libri "veri" (la mia stanza odora di carta e non di calzini, olè), ma ciò non toglie che proprio non digerisco tutti quelli che sono "contro" a prescindere. Un vero lettore non può essere contro una tecnologia che gli permette di avere accesso a tutti i libri del mondo, proprio non può (per non parlare della comodità del "Ehi! Voglio questo libro! CLICK! E' già mio e posso leggerlo ADESSO!"). E ora, ecco a voi i miei acquisti kindliani di questa sera:




"Beloved" di Corinne Michaels

The Belonging Series

SINOSSI:

Catherine Pope has never been enough. Every man she has ever loved abandoned her--from her father to her fiancé. She finally accepted the fact she would never be enough to hold any man's heart and soul. Then Catherine met Jackson Cole. When her world literally collided with the sexy former Navy SEAL, everything she always believed is turned upside down and left scattered. He made her feel alive and desirable, consumed her with fierceness and loyalty--which completely unnerved her. Jackson got her in a way no one ever had, giving him the power to destroy her. If she breaks down and gives him what's left of her battered heart--will he protect it? Or will Catherine become an irrelevant part of yet another man's life? Will she get the one thing that has always evaded her - to finally be someone's beloved?



"Junk" di Josephine Myles

The Bristol Collection #1

SINOSSI:

When an avalanche of books cuts off access to his living room, university librarian Jasper Richardson can no longer ignore the truth. His ever-growing piles of books, magazines and newspapers can no longer be classified as a “collection”. It’s a hoard, and he needs professional help. Professional clutter clearer and counselor Lewis Miller thinks he’s seen it all, but even he has to admit he’s shocked. Not so much by the state of Jasper’s house, but by the level of attraction he still feels for the sexy bookworm he remembers from school. What a shame that Lewis’s ethical code forbids relationships with clients. As Jasper makes slow but steady progress, though, the magnetic pull between them is so strong even Lewis is having trouble convincing himself it’s a temporary emotional attachment arising from the therapeutic process. Jasper longs to prove to Lewis that this is the real deal. But first he’ll have to lay bare the root of his hoarding problem…and reveal the dark secret hidden behind his walls of books. Warning: Contains a level-headed counselor with a secret addiction, a bespectacled geek with a sweet tooth, a killer “to-be-read” pile, embarrassing parents, a van called Alice, and deliciously British slang.



"Stuff" di Josephine Myles

The Bristol Collection #2

SINOSSI:

Tobias “Mas” Maslin doesn’t need much. A place of his own, weekends of clubbing, a rich boyfriend for love and support. Too bad his latest sugar daddy candidate turns out to be married with kids. Mas wants to be special, not someone’s dirty little secret. When he loses his job and his flat on the same day, his world starts unraveling…until he stumbles across a vintage clothing shop. Now to convince the reclusive, eccentric owner he’s in dire need of a salesman. Perry Cavendish-Fiennes set up Cabbages and Kinks solely to annoy his controlling father. Truth be told, he’d rather spend every spare moment on his true passion, art. When Mas comes flaming into his life talking nineteen to the dozen, he finds himself offering him a job and a place to live. He should have listened to his instincts. The shop is already financially on the brink, and Mas’s flirting makes him feel things he’s never felt for a man. Yet Mas seems convinced they can make a go of it—in the shop, and together. Warning: Contains an eccentric, bumbling Englishman, a gobby drama queen, fantastic retro clothing, scary fairies, exes springing out of the woodwork, and a well-aimed glass of bubbly. Written in brilliantly British English.



"Vorrei perdermi in te" di Doris J. Lorenz

Le scelte del cuore #1

SINOSSI:

Il passato peserà sulle scelte che Layla, una studentessa italiana del progetto Erasmus, dovrà prendere. Lei si troverà presto coinvolta in un vortice di passioni mai provate. Alle spalle, ha un ex ragazzo che l'ha umiliata e dal quale è fuggita per raggiungere Salamanca, sede dei suoi studi; nel suo futuro c'è Rafael, studente spagnolo, istruttore di equitazione, che l'ha vista danzare con i fiocchi di neve ed è rimasto colpito da lei. Layla si è rinchiusa nel suo mondo, rimanendo a lungo invisibile per la società, emarginata e con un'adolescenza difficile, non intende cedere a Rafael il cui passato oscuro è ignoto persino ai suoi amici più cari. Rafael è taciturno, scontroso, ma capisce il tormento di Layla e intuisce la sua sofferenza, perché come lei ha subito abbandoni, ferite fisiche e psichiche mai rimarginate. Anche se la passione per i cavalli e l'attrazione reciproca peseranno sulle loro scelte, entrambi sanno che la loro storia non potrà durare: Layla tornerà presto in Italia. “VORREI PERDERMI IN TE” è il primo romanzo della serie “Le scelte del cuore” che racconta la vita di alcuni studenti universitari italiani e spagnoli che si incontreranno a Salamanca. La passione per i cavalli li accomuna, mentre gli eventi li porteranno a scontrarsi, confrontarsi e ferirsi. Il passato con i suoi traumi ha un certo peso nelle loro scelte e nel difficile percorso che dovranno affrontare per provare ad amarsi.



Che ve ne pare? Non so ancora da quale inizierò (dovrei prima terminare Il gruppo di Mary McCarthy che, per inciso, mi sta piacendo moltissimo). Credo di essermi trasferita definitivamente da aNobii a Goodreads che, a mio parere, è decisamente più organizzato, globalizzato, utile, senza rotture di balle della serie "questo libro non ha l'isbn, è uno schifosissimo ebook di Amazon e non lo inseriamo nel database". Al diavolo il database antico di aNobii, al diavolo aNobii. Continuerò ad aggiornarlo per una questione puramente sentimentale e perché, in passato, è stato il social network più utile per la promozione del mio romanzo d'esordio, ma niente più. Sono stanchissima, ergo vi abbandono. Domani sarà una giornata intensa tra editing, gite in segreteria di facoltà e lo studio matto e disperatissimo di linguistica generale e letteratura italiana III. Auguratemi buona fortuna, vogliatemi bene e...leggete!

Blessings,
B.

p.s. vi lascio con un set di "inspirational pictures" per questa settimana. Non sono riuscita a trovare la fonte: ad ogni modo, sappiate che non sono mie. Enjoy!