domenica 31 maggio 2015 | By: Bianca Rita Cataldi

Policy

POLICY 

B. among the little women è un sito culturale senza scopo di lucro, volto alla promozione della lettura e della scrittura e alla valorizzazione della divulgazione culturale in Italia. Il lavoro svolto per il sito è gratuito, non retribuito, e la blogger non percepisce alcun tipo di compenso da terzi per la stesura degli articoli pubblicati. Tutto il materiale pubblicato nel sito, escluso dove diversamente indicato, è da considerarsi proprietà dello stesso e della legittima autrice. B. among the little women non accetta richieste di recensioni, ma sceglie autonomamente i libri da segnalare all'interesse degli utenti. B. among the little women riceve materiale promozionale e/o divulgativo da Case Editrici, tuttavia il giudizio della blogger resta indipendente e insindacabile. B. among the little women è un sito fruibile gratuitamente dall’utenza, apolitico e apartitico. Tuttavia non rappresenta una Testata Giornalistica regolarmente registrata in Tribunale, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. B. among the little women è concesso sotto la licenza CC BY-NC-ND, Creative Commons Attribuzione, Non commerciale, Non opere derivate. Questa licenza permette all’utenza di scaricare e condividere i contenuti di B. among the little women, a condizione che non vengano modificati né utilizzati a scopi commerciali, sempre attribuendo la paternità dell’opera all’autore e citando il sito.

 PRIVACY & COOKIE POLICY 

1. Cookie 

I Cookie sono file informatici o dati parziali che i siti registrano sulla memoria del supporto che utilizzi per navigare su Internet e possono essere usati per diverse finalità. B. among the little women utilizza i Cookie al fine di rendere più efficiente e agevole la permanenza all’interno del nostro sito. Di seguito, in ottemperanza alla vigente normativa, riportiamo quali Cookie vengono utilizzati nel nostro spazio web.

Cookie tecnici e di statistica aggregata ---> Utilizziamo questo tipo di cookie affinché tu possa vedere correttamente le nostre pagine e per avere informazioni (anonime) sulla distribuzione del traffico e il comportamento degli utenti all’interno del nostro sito.

Cookie di profilazione ---> Questi Cookie sono file utilizzati per raccogliere dati personali sui visitatori. Qualora non volessi utilizzare i Cookie, puoi disabilitarli modificando le impostazioni del tuo browser e impedire, per esempio, che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato.

Cookie di terze parti ---> Questi sono i Cookie legati alla presenza dei plugin Social. Di seguito ti elenchiamo quali social network sono collegati alla nostra piattaforma. Alcuni dei servizi potrebbero non richiedere il tuo consenso (e dipendono inoltre dalle impostazioni della privacy nei tuoi profili), quindi ti invitiamo a leggere attentamente le rispettive Policy. Le informazioni raccolte sono cookie e dati di utilizzo per tutti i social presenti.

  •  Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google, Inc.) — Policy 
  •  Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.) — Policy 
  •  Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.) — Policy 
  •  Pulsante Pin It e widget sociali di Pinterest (Pinterest, Inc.) — Policy
  •  Pulsante View on Instagram e widget sociali di Instagram (Instagram, Inc.)  — Policy
  •  Pulsante Follow on Tumblr e widget sociali di Tumblr (Tumblr, Inc.) — Policy
  •  Widget sociali di aNobii (aNobii, Inc.) — Policy
  •  Widget sociali di Goodreads (Goodreads, Inc.) — Policy
  •  Pulsante Iscriviti e widget sociali di YouTube (YouTube, Inc.) — Policy 
  •  Widget sociali di Bloglovin (Bloglovin, Inc.) — Policy

2. Newsletter

B. among the little women ha anche un servizio di Newsletter, che gestiamo attraverso la piattaforma FeedBurner. I dati che inserisci all’iscrizione vengono salvati nei server di FeedBurner. Al seguente indirizzo trovi la loro Policy. Nel caso in cui non volessi più essere iscritto alla Newsletter, puoi cancellarti in qualsiasi momento cliccando la voce al termine delle nostre comunicazioni.

Per ulteriori informazioni, contattare la titolare del sito, Bianca Rita Cataldi, all'indirizzo biancaritacataldi@yahoo.it
lunedì 25 maggio 2015 | By: Bianca Rita Cataldi

Recensione di Cade la terra di Carmen Pellegrino



LA TRAMA:

Alento è un borgo abbandonato che sembra rincorrere l’oblio, e che non vede l’ora di scomparire. Il paesaggio d’intorno frana ma, soprattutto, franano le anime dei fantasmi corporali che Estella, la protagonista di questo intenso e struggente romanzo, cerca di tenere in vita con disperato accudimento, realizzando la più difficile delle utopie: far coincidere la follia con la morale. Voci, dialoghi, storie di un mondo chiuso dove la ricchezza e la miseria sono impastate con la stessa terra nera. Capricci, ferocie, crudeltà, memorie e colpe di un paese di “nati morti” che si tormenta nella sua più greve contraddizione: voler essere strappato alla terra pur essendone il frutto. Cade la terra è un romanzo che acceca con la sua limpida luce gli occhi assonnati dei morti: sembra la luce del tribunale della storia, ma è soltanto il pietoso tentativo di curare le ferite di un mondo di “vinti”, anime solitarie a cui non si riesce a dire addio perché la letteratura, per Carmen Pellegrino, coincide con la loro stessa lingua nutrita di “cibi grossolani”. Seppellirli per sempre significherebbe rimanere muti. Ma c’è orgoglio e dignità in queste voci, soprattutto femminili. Tornano in mente le migliori pagine di Mario La Cava, Corrado Alvaro e Silvio D’Arzo: prose appenniniche pietrose ed evocative, come di pianto ricacciato in gola, la presa d’atto dell’impossibilità d’ogni epica.

LA MIA OPINIONE:

Questo romanzo è una lettura insolita, sorprendente, così lontana dalle mode e dai gusti letterari del momento da sembrare del tutto fuori dal tempo e dallo spazio. In fondo, credo che questo sia proprio il senso più profondo del libro: non esiste un tempo ben definito, nettamente stratificato in "passato-presente-futuro", ma piuttosto un continuum dato dal passato che infesta il presente e che, inevitabilmente, lancia le sue ombre sull'avvenire. Carmen Pellegrino teorizza l'abbandonologia, parola che ho imparato ad amare, e lo fa attraverso personaggi che non sono in grado di comunicare tra di loro, che abitano il passato e il presente sfiorandosi come fantasmi senza mai riuscire a comprendersi, a prendersi. La voce narrante, quella di Estella (nome profondamente dickensiano), è imponente, ingombrante. E' la voce di una persona che, annaspando nella propria solitudine, ha bisogno di nutrirsi del dolore degli altri per poter trovare una via di fuga dalla propria sofferenza. Al suo fianco, sfuggente, c'è Marcello, enigmatico contraltare di Estella, il ragazzo che non riusciva ad accettare la diversità culturale e sociale degli altri ed era magro e pallido come un malato. Il romanzo si snoda tra passato e presente ricostruendo, volta per volta, dolorosi cammei della vita degli altri fino a formare il quadro completo di Alento, il paese fantasma costantemente minacciato dalla frana. Cade la terra non è semplicemente un titolo, ma anche la metafora dello sgretolarsi del tempo nel tempo, della caducità della vita del mondo, dell'inevitabile crollare delle certezze precostituite. Consiglio questo romanzo a chi ha bisogno di una lettura diversa, intensa, profonda. Questo non è il solito libro, e già questo dovrebbe spingervi immediatamente a leggerlo.

voto: ****/5
domenica 10 maggio 2015 | By: Bianca Rita Cataldi

Segnalazione: Il furto dei Munch di Barbara Bolzan


Chi mi segue da tempo sa quanto amo Barbara Bolzan e i suoi libri. In passato ho recensito Rya - La figlia di Temarin e ho letto e apprezzato molto L'età più bella, entrambi romanzi che vi consiglio. Oggi vi parlo di Il furto dei Munch, un libro molto particolare che mi incuriosisce moltissimo e che aspetto con ansia di poter leggere. Ecco qui tutte le informazioni in merito:

Barbara Bolzan

IL FURTO DEI MUNCH


SINOSSI:

Il 5 aprile 2004, un commando mette a segno una spettacolare rapina alla banca di Stavanger, in Norvegia. Il 24 agosto 2004, dal Museo Munch di Oslo vengono sottratti i dipinti L'Urlo e Madonna. Due fatti apparentemente non correlati, ma che trascineranno il lettore in una vertigine di intrighi, pericoli e misteri, portandolo nel cuore del mercato nero, dell'arte e della musica. Quando i dipinti scompaiono, infatti, lasciando dietro di sé una scia di morte, Agata Vidacovich, coinvolta nel traffico d’arte, tenterà di venire a capo dell'intricata vicenda, mettendo a dura prova le proprie certezze. Sposata con un pianista di fama internazionale che ha ormai rinunciato alla propria carriera e al quale ha sempre mentito riguardo alla propria vera vita, Agata si ritroverà costantemente sul filo del rasoio, costretta a mettere a repentaglio tutto quello che ha di più caro per venire a capo di questo mistero. Dove sono finiti i quadri? Un thriller avvincente, che si snoda tra Milano, Oslo e Trieste e che tiene il lettore col fiato sospeso fino all’ultima pagina.

UN ESTRATTO: (l'incipit)

EPILOGO 

 Oslo, 2 settembre 2006 

 Quando Max morì, già un’altra persona aveva perso la vita, ma nessuno ritenne che i due decessi fossero in qualche modo correlati. Arne Klungland era un poliziotto. Stava facendo il proprio dovere quando fu raggiunto dalla pallottola. Era il 5 aprile del 2004. Alla banca di Stavanger, una città a sud della Norvegia, il commando di David Toska stava effettuando quella che fu definita la spettacolare rapina Nokas, nel corso della quale furono sottratti dieci milioni di dollari. Max morì il 13 febbraio del 2006. Anche lui stava facendo il proprio dovere. In un appartamento della periferia milanese, sorvegliava una donna del valore di dodici milioni di euro. Qualcuno si adoperò affinché questo particolare non trapelasse, e la sua morte fu definita un incidente. Allo stato attuale dei fatti, ciò che l’Organizzazione sa o pensa non mi importa, né mi importa ciò che sa o pensa Iver Berg, l’Ispettore che aveva preso in mano le indagini. Dopotutto, quale che sia la verità, a ventiquattro mesi esatti dalla scomparsa, una donna è stata ritrovata. 
È nuda dal busto in su. 
È sfregiata e sfigurata. 
 Malgrado ciò, è bellissima. 
 Lei è bellissima. 

 Prima che tu lo dica: sì, hai letto bene. Si tratta dell’incipit. Sì, lo so perfettamente che l’epilogo si pone alla fine del libro. Sì, lo so che dovrebbe quanto meno esserci prima un prologo. Allora: perché cominciare un romanzo dall’epilogo? Il libro è la domanda. Il libro è la risposta.

L'AUTRICE:

Barbara Bolzan nasce nel 1980 in provincia di Milano. Pur non abbandonando mai il suo primo amore per la recitazione, durante l’adolescenza si avvicina al mondo della scrittura e comincia a partecipare con successo a premi letterari nazionali e internazionali. Pubblica il primo volume di narrativa nel 2004, con la prefazione del Professor Ezio Raimondi (Accademico dei Lincei e docente di Italianistica all’Università di Bologna): un excursus medico-narrativo sulle problematiche adolescenziali associate all’epilessia (AICE, Bologna, 2004). Nel 2006, in seguito alla vittoria del Premio Internazionale Interrete, pubblica Il sasso nello stagno, un romanzo sul difficile rapporto padre-figlia, nel quale la narrativa procede parallelamente agli studi linguistici e filologici (Prospettiva Editrice, Roma, 2006). Rya - La figlia di Temarin esce nel 2014 (Butterfly Edizioni, Correggio). Figlio della sua passione per la storia e per la manipolazione della realtà, questo romanzo storico-fantasy costituisce il primo volume della saga che prende il nome dalla sua protagonista (La saga di Rya). Di recente pubblicazione, L’età più bella (Butterfly Edizioni, Correggio, 2014) riprende in chiave nuova i temi già affrontati in Sulle Scale. Con Il furto dei Munch, già finalista al prestigioso premio Alabarda d’oro - Città di Trieste 2010 e presentato nel 2012 nel corso della serata conclusiva del Festival di Sanremo, all’interno della rassegna Casa Sanremo Writers, arte e musica si fondono col genere giallo. Ha tenuto corsi di scrittura creativa nei licei e, attualmente, collabora come editor e illustratrice con diverse realtà editoriali.