mercoledì 4 luglio 2012 | By: Bianca Rita Cataldi

La lana di Lisistrata.

LISISTRATA - Anche voi, se aveste cervello, trattereste le cose dello Stato proprio come la nostra lana.

COMMISSARIO - E come? Vediamo un po'.

LISISTRATA - Prima di tutto, come si fa con la lana, togliendo via con un bagno il sudiciume dalla città. Poi, stendendola su un letto, togliere di mezzo con un bastone spine e malanni. Poi cardare quelli che tramano in società per le cariche, e spelargli bene la testa. Poi in un paniere mescolare la concordia comune e pettinarla, mettendo insieme i meteci, gli stranieri che vi sono amici, i debitori dello Stato. E le città dove abitano coloni ateniesi dovete considerarle come dei bioccoli caduti per terra, lontani l'uno dall'altro. Bisogna prenderli e raccoglierli insieme e farne un solo grande gomitolo, da cui tessere una tunica per il popolo.

(Aristofane, Lisistrata)


Photobucket

0 commenti:

Posta un commento