sabato 5 ottobre 2013 | By: Bianca Rita Cataldi

"Predestinati" di Roberta Mura - Recensione.




Elisabeth, studentessa al quarto anno di ragioneria, è una ragazza simpatica e vivace, circondata da amiche che adora e dalle quali è riamata. La scuola è appena finita, la sua amica Viola si è trasferita a due passi da casa sua e non dovrebbe mancarle nulla per essere felice, eppure sente che c'è qualcosa che non va. Perseguitata da strani incubi, si sveglia al mattino con un inquietante senso di soffocamento. Anche Chiara, la sua migliore amica, sente che qualcosa di terribile sta per accadere.
E poi c'è Chris, giovane e affascinante vampiro che ha appena rintracciato la sua famiglia grazie all'aiuto d Gabriel, un bambino dai poteri molto speciali. Chris sa che lui ed Elisabeth sono i Predestinati, ovvero coloro che, col potere dell'amore, potranno sconfiggere Demetrio, crudele vampiro assetato di potere. Resta solo una cosa da fare: avvicinarsi ad Elisabeth, raccontarle la verità ed entrare nella sua vita sperando di non distruggerla per sempre.

Non lasciatevi ingannare dalla trama: non è il solito romanzo vampiresco. E' un libro genuino, italiano al 100%, pervaso in ogni pagina da un'innocenza e da una dolcezza fuori dal comune. Roberta Mura ha una scrittura delicatissima e pur tuttavia ricca di forza e vigore quando la vicenda lo richiede. I personaggi sono perfettamente inquadrati nel contesto e "tridimensionali" nelle loro debolezze, gioie, dolori, speranze. Persino il personaggio di Demetrio, il "nemico numero uno", riesce a suscitare la compassione del lettore nel momento in cui si scopre del suo rapporto con la madre. "Predestinati" è un romanzo che necessita sicuramente di un lavoro di editing - quale libro di un autore emergente non ne ha bisogno? - ma è un'opera pura e sincera, giovane nella sua freschezza, e merita sicuramente tutta la nostra attenzione.

0 commenti:

Posta un commento