giovedì 18 giugno 2015 | By: Bianca Rita Cataldi

Segnalazione: Siara - Il sentiero d'oro di Cristina Zavettieri

Buongiorno! Oggi vi parlo di un'altra autrice che mi sta molto a cuore: Cristina Zavettieri, conosciuta dai più come l'autrice di Il figlio ribelle. Questa volta Cristina torna nei vostri kindle con un romanzo breve che porterò con me durante la mia settimana in montagna (OFF TOPIC! Dal 22 al 29 giugno sarò in quel di Falzes - Brunico, Trentino, insieme al Fidanzato e, esattamente come l'anno scorso, terrò qui sul blog un diario fotografico. L'anno scorso è stato apprezzato e allora vorrei ritentare. Per chi volesse avere un'idea, ecco QUI le puntate del 2014). Comunque, ciancio alle bande. Ecco qui tutto ciò che dovete sapere su Siara. Occhio al prezzo: è piccolissimo. Roba che neanche le patatine al formaggio. Ergo, non siate spilorci e LEGGETE.



Siara – Il sentiero d’oro 

Cristina Zavettieri 

 Editore: Self-Publishing, Amazon 
 Data di uscita: 18 giugno 2014 
 Genere: Fantasy, Romance, Distopico 
 Cover artist: Elisabetta Baldan 
 Prezzo: 1 € 
 Pagine: 50 circa 


Trama: 

Jerusalem, 3055 L’Apocalisse è venuta dall’alto, sotto la spregevole forma di bombe atomiche, capaci di distruggere quanto l’uomo, fino a quel tempo, aveva creato di buono e giusto. Siara ricordava soltanto una millesima parte dell’accaduto, adesso conosceva il freddo delle celle, il sangue nelle arene, la corruzione e l’immoralità di Melanize e lui, suo nemico senza volto. L’evasione è l’unica possibilità di salvezza, il ritorno a casa un’incertezza e la fiducia nel futuro manca. Nel deserto fino alle porte di Isra, cercherà la verità, incontrerà l’amore, l’avventura, la speranza, incosciente di quanto lei sia la salvezza di un intero popolo. Per ritrovare la sua vera natura dovrà perdere una parte di se stessa. Ma d’altronde, non desidera davvero la libertà?

Biografia autrice: 

Cristina Zavettieri è nata nell'estremo Sud della Calabria circa ventisette anni fa, è amante della scrittura e della lettura da sempre, ma anche del disegno e dell’arte. Quando ancora non sapeva scrivere, accompagnava le sue storie agli acerbi disegni dei suoi personaggi. I generi che preferisce nel mondo della letteratura sono il paranormal, il distopico e il romance storico e contemporaneo. Ha un animo sensibile e sognatore che preferisce stimolare con una buona musica di sottofondo, immergendosi magari nella natura, nei boschi e nelle foreste che – sotto sotto – crede siano incantate. Sul mondo del web è conosciuta per aver scritto diversi anni all'interno della piattaforma di EFP (sito italiano di fanfiction e storie originali). Ha esordito nel 2014 con Il Figlio Ribelle, romanzo storico auto-pubblicato e attualmente disponibile su Amazon. Il Figlio Ribelle è il suo primo romanzo, forse il più conosciuto perché di anteriore pubblicazione, presentata con cadenza settimanale a capitoli come romance sul popolare sito di fanfiction. Recentemente ha pubblicato su di wattpad - piattaforma che permette di diffondere gratuitamente le proprie opere - “Vorrei che fossi tu”, un romanzo breve, a capitoli, ambientato nei favolosi anni ’60, dove l’irriverente Ally farà impazzire il metodico poliziotto e zio, Matt DiFanti, in una California baciata da sole.

Come trovarla: 

Gruppo facebook: “Nel palazzo di Talia” 
Pagina facebook: “Di Amor Insane e altre novelle”

In esclusiva per B. among the little women, ecco qui tre estratti che l'autrice ci ha passato sottobanco eheheh. Leggeteli, ne vale la pena.

Estratto esclusivo #1 

«Bambina mia, dove sei?». Dietro le verdi foglie scorgeva il volto di una donna, adorava le mille treccine dei suoi capelli neri, i grandi orecchini d’oro che portava a entrambe le orecchie. Guardò le sue mani bianche e i capelli di un indefinito colore nero e bianco, sentendosi brutta e goffa. «Avanti, esci fuori piccolina. Nessuno ti prenderà più in giro». La sua balia era così buona e dolce, che non poteva negarle niente. Il suo tono rassicurante la convinse e a malincuore uscì dal nascondiglio tendendo la piccola mano, stringendo le dita affusolate dalla pelle color del cioccolato.

Estratto esclusivo #2 

 «Uno. Respira. Prega. Due. Respira. Prega». Ruotava, il vestito si estendeva, fluttuava. Apriva gli occhi e sentiva la voce della sua balia, con le mani congiunte e il capo chino, indicarle cosa fare. «Come ha potuto concentrare i suoi pensieri? Non ci riesco!». «Uno. Respira. Prega. Due. Respira. Prega» continuò la sua balia. «Non domandare, agisci. Pensa e agisci. Il pensiero è volontà. Il pensiero genera la realtà. Prega. Respira. Prega».

Estratto #3 

D’un tratto apparve un cavallo, un bellissimo purosangue, la sua criniera era bianca e vellutata. Siara lo capì, percepì i suoi pensieri, senza avere la possibilità di toccarlo, come succedeva per le altre creature del mondo. L’animale fece il giro della piazzola nella quale sostavano e poi le andò incontro, in modo regale si inchinò a lei, mentre il sole illuminava quel manto fatto di purezza cangiante. Siara scese da Rex senza aiuto alcuno, poggiò la mano sul muso di Isis e, non appena si sollevò, lo abbracciò. Isis, si stupiva sempre di quanto riusciva a rammentare.

...e ora, conosciamo meglio Siara...




Siara: una donna delicata divenuta schiava. Per via del suo aguzzino? Innocente, non conosceva il mondo, la vita, adesso il terrore le soffocava il petto. Aveva pochi ricordi, Siara, quanti anni aveva? Il suo cuore arido, la sua mente confusa, addolorata. Siara che parla poco, astuta, serva nella città dei peccati ha messo su una corazza. Fredda. Lei e i suoi occhi cangiati: oro, verde e rosso, i suoi capelli neri e mossi, il colore della pelle, abbronzata a causa delle troppe battaglie sotto il sole, il corpo deturpato da cicatrici. Come la sua anima. Un corpo di dea che cerca il suo tempio, mentre socchiude le labbra, piccole e rosee. Uno sguardo sormontato da ciglia nere come l’ossidiana, laddove risiedono come incubi, visioni di morte, omicidi e stupri. Regno di follia. Siara ostinata, battagliera, nominata “la pantera dagli occhi d’oro” che fa tremare anche il re. Siara, senza un destino. Siara, la fanciulla di tutti.

Come tutti i libri fighissimi che si rispettino, Siara ha anche una splendida colonna sonora che potete ascoltare direttamente dal video below. Buon ascolto e, soprattutto, buona lettura!

0 commenti:

Posta un commento